top of page

Il valore dei centomila…



Il gruppo Facebook "Normativa Inclusione", dedicato alla normativa per l'inclusione scolastica, ha superato i centomila iscritti! Festeggiamo questo traguardo con un contributo di Annamaria Giarolo.


Nella mia lunga carriera professionale, da insegnante e referente per l’inclusione, ho sempre avvertito il problema di far conciliare i bisogni degli alunni con la normativa che, a volte, letta e applicata in modo eccessivamente rigido, sembrava incatenare anche le migliori intenzioni e trasformare il far scuola in un grande ufficio “passacarte” dove i bambini, fruitori diretti del nostro agire, finivano in fondo alla scala di valori e spesso, purtroppo, addirittura dimenticati.

Avevo la netta sensazione che qualcosa non funzionasse nel sistema e che, anch’io, rischiassi di diventare una brava segretaria al servizio di un contesto senz’anima.

 

Poi, una decina d’anni fa, Flavio Fogarolo e il suo gruppo, crearono una pagina Facebook dove poter porre domande e avere risposte collegate alla normativa ma in grado di riportare l’agire quotidiano alla sua reale missione educativa: garantire il diritto allo studio a tutti i nostri studenti e fare in modo che la legge venga applicata nel suo intento originale, quello di essere al servizio della comunità scolastica e non della burocrazia.

 

Da allora, come fruitore del servizio prima e come amministratrice poi, la pagina Facebook “Normativa Inclusione” è diventata per me un pane quotidiano a cui dedicare parte del mio tempo, come pedagogista, ex insegnante in pensione ma sempre dentro alla scuola anche se, formalmente, ne sono fuori!

 A volte i numeri di coloro che ci leggono sono sbalorditivi e pure noi rimaniamo senza risposte davanti agli innumerevoli visitatori del nostro sito.

 

Tante le domande alle quali siamo impossibilitati a rispondere per mancanza di tempo, e tante le richieste reiterate di supporto nella gestione delle situazioni complesse a scuola, nel rapporto genitori-insegnanti, nelle modalità di applicazione di una normativa che, spesso ignorata anche dai docenti, rimane all’avanguardia nei suoi principi di fondo e negli strumenti che mette a disposizione.

 

Genitori, insegnanti, dirigenti, personale della scuola, professionisti del servizio sanitario pubblico e privato sono i nostri interlocutori quotidiani: si tratta di fare i conti con docenti talvolta poco preparati e poco disponibili nell’accogliere le molteplici diversità che abitano il mondo della scuola, con genitori sbalorditi di fronte all’incapacità del sistema di rispondere in modo adeguato ai bisogni dei loro figli, con tante altre necessità che si rincorrono e si ripetono riuscendo così a mettere in luce le innumerevoli falle del nostro sistema scuola.

 

Parliamo di insegnanti di sostegno non specializzati, di docenti curricolari incatenati al programma come se questo non fosse direttamente legato all’apprendimento di tutti gli studenti, specialisti che, oberati di lavoro, riescono a fornire il loro contributo al PEI in modo saltuario, dirigenti scolastici fissi nella burocrazia e nella raccolta di firme che dimenticano il loro ruolo fondamentale nel raggiungimento degli obiettivi del sistema scolastico.

 

Il mio, il nostro riferimento principale, è Flavio Fogarolo, del quale conosciamo sia le competenze che le doti di profonda umanità. È lui l’artefice principale di questo strumento, sia della pagina Facebook che del sito di Normativa Inclusione nel quale oltre 500 risposte ad altrettante domande riescono a fornire indicazioni utili e preziose a tutti gli utenti del mondo scolastico.

 

Ed è proprio Flavio Fogarolo che con le sue parole ritorna a motivare e a dar senso al nostro lavoro: “Coloro che scrivono sono solo una piccola parte di quanti ci leggono e, certamente, chi non ha problemi non scrive!”. Parole sacrosante, che rincuorano e mi spingono quotidianamente a cercare tra le righe di una domanda posta da un genitore o da un collega il significato di quel disagio, di quella incertezza, di quella sensazione di essere soli dentro a tanta fatica.

 

Ecco, quello che cerchiamo di fare è fornire risposte, coerenti con la normativa ma anche legate ad azioni concrete che nel mondo della scuola sono indispensabili per generare il cambiamento, quello che considera la diversità come il fattore cardine delle nostre comunità di vita.

 

E siamo arrivati a CENTOMILA! E arriva anche l’emozione, l’orgoglio e la fierezza di poter essere di supporto, di fornire un servizio utile ai tanti che fanno del mondo scolastico il loro habitat naturale. Insieme c’è l’umiltà di continuare a farlo, pur nei limiti delle nostre competenze e del nostro tempo, e con la disponibilità di rivedere ogni risposta e di aggiornarci sempre.


Abbiamo la consapevolezza che il nostro sistema scuola è ben fatto se le persone che lo compongono coltivano professionalità, studio e aggiornamento senza perdere di vista il bene educativo a cui siamo diretti.

Grazie a tutti voi!


Annamaria Giarolo

Pedagogista e Formatrice

28 visualizzazioni0 commenti

Comments


  • Facebook
  • LinkedIn
  • YouTube
bottom of page