Ascolto ed empatia, per aiutare a star bene con se stessi


Giulia Dal Zovo è una e psicoterapeuta giovane, ma attiva da anni. Mamma di una bella bambina, Amelia, riesce a conciliare l’attività professionale con quella, sempre impegnativa, di genitore. Riceve i suoi pazienti nello studio di Affi e nello studio Psyché, al Centro Ermes di San Bonifacio, dove è in coworking da oltre un anno. La incontriamo proprio qui, in un momento di relax.


Giulia, sei psicologa, iscritta all’albo da diversi anni e sei poi diventata psicoterapeuta. A quale scuola o corrente della psicoterapia fai riferimento? Ci sono realmente differenze rilevanti, tra scuola e scuola?

Mi sono formata in una scuola ad indirizzo junghiano ma con riferimento anche alla psicosintesi e all'ipnosi ericksoniana. Ogni scuola propone "tecniche" e modalità diverse per lavorare con il paziente, ma io credo fortemente che, al di là dei diversi orientamenti, ciò che davvero conta sia l'instaurarsi di una buona relazione tra paziente e terapeuta, ciò che noi chiamiamo “alleanza terapeutica”. Solo in questo modo si può stare davvero con l'altro ed entrare in connessione con il suo mondo interno in modo empatico, a prescindere dal modello formativo di riferimento.


Se tua figlia potesse domandarti cos'è la psicoterapia, come risponderesti?

A volte capita che le persone siano molto tristi, o arrabbiate, o deluse… non sono felici e non riescono a stare meglio da sole, e così hanno bisogno di qualcuno che si sieda accanto a loro e che le ascolti, aiutandole a capire cosa c'è che non va e come possono imparare a stare meglio, dando più valore a loro stesse e ai loro bisogni.


Secondo la tua esperienza, quale giovamento può trarre un paziente da una terapia?

Credo che un paziente innanzitutto inizi a concedersi uno spazio per sé, in cui provare ad essere se stesso, senza paura del giudizio, e a lasciarsi andare in un luogo accogliente e protetto; un po' alla volta imparerà anche a conoscersi un po' di più, entrando in contatto con le proprie modalità di funzionamento e il proprio mondo inconscio, fatto di desideri, pulsioni, istinti ed immagini. È un viaggio alla scoperta di sé e dei propri bisogni più autentici.


Come ti trovi nello studio Psyché del Centro Ermes?

Lo studio Psyché, così come il Centro, è molto bello, spazioso e accogliente, e credo che anche le persone si sentano a loro agio in questo luogo che profuma di casa… è luminoso e intimo allo stesso tempo.


Giulia Dal Zovo, psicologa, psicoterapeuta riceve ad Affi e a San Bonifacio.

Per contatti: tel. 349 722 5818 – email: giulia.dalzovo@gmail.com

122 visualizzazioni

©2018 by Centro Ermes. Proudly created with Wix.com